Familia si copiii diasporei: urgenta sociala

A mai aparut o carte despre drama pe care o traiesc sute de mii de familii – „Orfani bianchi”, autor Antonio Manzini, despre copiii care cresc in grija bunicilor, a rudelor, datorita faptului ca parintii lor, cel mai des mamele, sunt plecate la munca in strainatate. Numai in Europa, oficial, sunt peste 500.000 de copii singuri acasa (orfani bianchi, children left behind).

Dupa intrarea Romaniei in UE in 2007 s-au scris sute de articole pe aceasta tema, carti, piese de teatru, s-au compus piese muzicale, s-au construit proiecte, cauze pe FB, s-au realizat documentare, reportaje, s-au sustinut interpelari verbale si scrise, conferinte, seminarii, simpozioane internationaleaudieri in Parlamentul European. Cu toate acestea, in privinta copiilor diasporei si a familiei migratorii suntem tot acolo…

Cum asa?

Lipsesc interesul si sustinerea politica, implicarea institutiilor, competenta, legatura decidentilor cu realitatea cetatenilor? Sa fie oare si alte interese care profita, din umbra celor certati cu legea, a celor care impiedica si manipuleaza luarea deciziilor? Profitul din munca la negru, traficul de persoane, de organe, pedofilia si prostitutia ocupa locul al doilea dupa traficul de droguri. Cate intrebari la care doar impreuna putem da raspunsuri si gasi solutii?!

Decidentii nu mai pot nega gravitatea situatiei, trebuie doar sa doreasca sa o recunoasca si sa o analizeze cu sinceritate si transparenta in toata complexitatea, impreuna cu toti cei implicati.

Institutiile care trebuie sa tuteleze cetatenii ar trebui sa se activeze de urgenta la nivel guvernamental, bilateral si transnational prin masuri de interventie si prevenire a exploatarii (sclavia moderna) si traficului de persoane, iar mediatizarea acestora sa fie o prioritate pentru Guvernul Romaniei.

Se fac proiecte pentru romanii din diaspora, in general fara ei, pe care in Italia in mare parte le gestioneaza exclusiv italienii, iar in Romania se opresc la granita, fiind focalizate mai mult pe copii si nu pe familie si preventie. Institutia familiei nu ocupa un rol central nici in strategia romaneasca si nici in cea europeana. Dialogul si comunicarea cu romanii din diaspora se deruleaza doar pe anumite segmente, socialul este mereu lasat la urma si uitat acolo. Romanii nu colaboreaza, putini participa, multi contesta. Firesc, se simt responsabili pentru o vina care, in mare parte, nu le apartine, iar realitatea de zi cu zi e greu de suportat. Le ajunge!

Din 2009 pana in primavara lui 2016, in ciuda situatiei bine cunoscute, timp de 7 ani nici un europarlamentar roman nu a actionat in directia sustinerii romanilor si Romaniei din acest punct de vedere. Doar in martie 2016, europarlamentarul italian Brando Benifei a depus o interpelare scrisa ca urmare a solicitarii Asociatiei Femeilor Romance din Italia – ADRI, in colaborare cu deputata Chiara Scuvera. In Romania au fost mereu alte prioritati, si, oricum, exista legi pe care parintii trebuie sa le respecte. In caz contrar, parintele este amendat si problema reintra in normalul romanesc.

Este un proces lung, este nevoie de si mai mult timp tinand cont ca de mai mult de 10 ani nu s-a facut mai nimic in aceasta directie, problemele s-au agravat si cronicizat, consecintele ne afecteaza pe toti pe termen lung. Parteneriatul, transparenta si implicarea reala tuturor actorilor si factorilor de decizie si raspundere sunt conditii obligatorii pentru instaurarea unui raport de incredere si respect inspre gasirea unor solutii pragmatice si viabile.

Au curs rauri de cuvinte, imagini si lacrimi, unele de conjunctura, multe altele adevarate. Sa ne oprim la cele din urma ca sa devina cele dintai.

Multumesc pe aceasta cale jurnalistei Elisabetta Ambrosi si ziarului „Il fatto Quotidiano” pentru atentia si importanta acordate acestei profunde, grave si foarte triste realitati ale miilor de familii romanesti si din Europa de Est!

Silvia Dumitrache

Presedinte Asociatia Femeilor Romance din Italia

Coordonator proiect „Te iubeste mama!

………………………………………….

Tutte le mie lacrime per gli Orfani bianchi
di  @Il Fatto Quotidiano

(…) Din pacate, tarile de origine ale acestor mame sunt indiferente fata de un fenomen care a devenit o urgenta sociala, o tragedie colectiva, la care a contribuit si cresterea exponentiala a sinuciderilor in randul copiilor si tinerilor [ramasi acasa], un gest disperat cauzat din convingerea, spun psihologii, ca macar asa o vor determina pe mama se se intoarca acasa. Nu o sa pot uita, din acest punct de vedere, pamantul usor ridicat in afara cimitirului din obiectivul documentarului „Figli sospesi„: un adolescent care a cedat durerii si nu a avut nici macar posibilitatea de a fi ingropat in cimitir, fiind considerat vinovat de suicid [in traditia ortodoxa].
proxyMirta este numele uneia dintre mamicile din carte, simbol al tuturor mamelor din Europa de Est care vin sa-i ingrijeasca pe batranii nostri, de multe ori ramasi fara speranta si fara compasiune. De aceste femei si de dramele lor nu se ocupa nimeni, nici la plecare si nici la sosire: in Italia numai o persoana, Silvia Dumitrache, presedinta Asociatiei Femeilor Romance din Italia – ADRI, duce inainte un proiect pentru a inlesni mamelor si copiilor comunicarea audio-video gratuita online. O  picatura in neant.

Textul integral @„Il fatto quotidiano”|26 ottobre 2016

Quando è arrivato sulla mia scrivania il libro di Antonio Manzini, Orfani bianchi (Chiarelettere), ho avuto un piccolo sussulto. Quel titolo ha portato la mia mente verso immagini di dolore e solitudine così acute che per qualche giorno non ho avuto il coraggio di aprire il romanzo, con quella copertina così bella fatta di un cielo blu coperto di stelle.

Della realtà di cui parla il libro – le centinaia di migliaia di bambini dei paesi dell’est lasciati a parenti o istituti dopo che le loro madri erano partite per fare le badanti – ero venuta a conoscenza da tempo, tramite reportage su quotidiani e riviste, che ogni tanto si soffermano sull’esistenza di questa dimensione lacerante, con un corredo di foto intense che si fa fatica a guardare: bambini in vecchi ruderi, accanto a una donna anziana, quasi sempre sola, in campagne grigie e desolate.

unnamed-2Mi era capitato anche di vedere un documentario che non potrò mai scordare, andato in onda sulla RaiFigli sospesi (un esempio raro di televisione d’eccellenza). La telecamera si fermava sulle madri – in questo caso rumene – emigrate in Italia per cercare lavoro e mandare soldi alla famiglia – poi “partiva” e passava per un momento nella frenetica e caotica Bucarest, infine si inoltrava nell’entroterra. Anche qui, le immagini erano quelle di bambini piccoli e piccolissimi abbandonati a qualche parente, generalmente indigenti, o di stanze fatiscenti di adolescenti rimasti soli, ragazzi e ragazzi dagli occhi vuoti, che un tempo erano poveri ma almeno ricchi di un legame essenziale, e ora sono un poco meno poveri ma hanno perso tutto: la voce, il corpo, l’abbraccio di una madre. Sono gli “orfani bianchi”, appunto, figli di donne rumene, moldave, ucraine costrette a partire dalla disoccupazione dilagante e dall’assenza, quasi sempre, degli uomini, spesso violenti, spesso semplicemente fuggiti.

Purtroppo i paesi di origine di queste madri sono indifferenti a un fenomeno che è diventato un’emergenza sociale, una tragedia collettiva, fatta anche di un aumento esponenziale di suicidi tra questi ragazzi, un gesto disperato dettato dalla convinzione, dicono gli psicologi, che almeno così la madre potrà rientrare a casa. Non potrò scordare, da questo punto di vista, il tumolo di terra appena fuori dal cimitero inquadrato dalla telecamera nel documentario Figli sospesi: un adolescente che ha ceduto al dolore, e non ha avuto neanche possibilità di essere seppellito dentro il cimitero, perché suicida, dunque colpevole.

Sapevo che avrei trovato tutto questo nel romanzo di Manzini, e che lo avrei trovato sotto forma narrativa, quindi ancor più straziante, un racconto dall’interno della vita di queste madri che noi incontriamo inconsapevolmente ogni giorno sull’autobus, al supermercato, alla posta. La protagonista, Mirta, è una donna moldava, e fa la badante. Il libro è punteggiato dalle sua e-mail piene di vita e di amore che manda al figlio Ilie: come tutte le madri, anche Mirta è concentrata sui bisogni di suo figlio, e gli descrive tutto ciò che gli arriverà nel prossimo pacco, insieme ai soldi (“Ti ho mandato due paia di scarponcini figlio mio. E hai il piumino. I guanti e il cappello”). La sua vita ha un solo scopo: mandare i soldi al figlio e alla madre, e provare a tutti i costi a ritornare a vivere con loro. Se non in Moldavia, in Italia, qualcosa di forse impossibile (“una stanza costa cinquecento euro, è tutto caro come l’oro, quaggiù”), ma che bisogna continuare a immaginare come raggiungibile prima o poi per non impazzire.

E dire che alla fame di case di queste donne si contrappongono gli enormi appartamenti vuoti delle anziane che si trovano ad accudire. Donne spesso di famiglie ricche, brutali e scortesi, comunque infelici, ignare del dramma delle altre donne che le lavano, le girano ogni due ore per evitare il decubito, le imboccano e le puliscono, compiendo ogni giorno riti di una fatica infinita, finendo per soffrire di depressione e insonnia. Eppure l’alternativa a fare la badante è persino peggiore. È quella in cui si trova a un certo punto Mirta, costretta in uno squallido appartamento a dividere un letto con altre donne provate, e alzarsi all’alba per andare a pulire i condomini, le mani gonfie per l’umido e rovinate dai detersivi. Ma qualunque sforzo è possibile pensando a un figlio lontano, anche se la sorte può essere ancora più maligna e farlo finire, come capita a Ilie, in una specie di orfanotrofio, quando la nonna muore in un incidente dovuto alla povertà.

Mirta resta a Roma, città ingrata e avara verso i suoi cittadini e ancor più verso gli stranieri, suo figlio in un grigio casermone migliaia di chilometri lontano, mentre la comunicazione si fa sempre più difficile, impervia e l’ansia – che il figlio stia male, che non vada a scuola, che possa togliersi la vita – sale ogni giorno di più.

Mirta è il simbolo di tutte le madri dell’Europa dell’Est che vengono a cambiare i nostri anziani, spesso rimasti senza più speranza né pietà. Di queste donne, e dei loro drammi privati, non si occupa nessuno, né lo stato di partenza, né quello di arrivo: in Italia solo una donna, Silvia Dumitrache, presidente dell’Associazione donne romene in Italia, sta portando avanti un progetto per consentire a madri e figli di connettersi via Skype. Una piccola goccia nel nulla. Ma intanto vedere il mondo con gli occhi di una di loro, attraverso, appunto, il libro di Manzini, è già tantissimo, un primo passo verso il cambiamento. E il romanzo è come una cesura: dopo averlo letto non possiamo più dichiararci inconsapevoli. Dopo, non possiamo più dire “io non sapevo”.

Anunțuri

Lasă un răspuns

Completează mai jos detaliile tale sau dă clic pe un icon pentru a te autentifica:

Logo WordPress.com

Comentezi folosind contul tău WordPress.com. Dezautentificare / Schimbă )

Poză Twitter

Comentezi folosind contul tău Twitter. Dezautentificare / Schimbă )

Fotografie Facebook

Comentezi folosind contul tău Facebook. Dezautentificare / Schimbă )

Fotografie Google+

Comentezi folosind contul tău Google+. Dezautentificare / Schimbă )

Conectare la %s