30 iulie – Ziua mondială împotriva traficului de persoane

Cu ocazia Zilei mondiale împotriva traficului de persoane, 30 iulie, asociațiile Ebano și ADRI își reafirma hotararea de a actiona impotriva acestui teribil si grav fenomen infractional.

Recentul raport „Micutii sclavi 2019” al Salvati copiii – Italia prezinta in sfarsit in mod explicit si mai descriptiv metoda loverboy, împotriva căreia ne luptăm de ceva timp, tinand cont si de prevederile punctului 61 din Rezoluția Europeană din 12.05.2016 referitoare la prevenirea si combaterea traficului de fiinte umane si protectia victimelor din perspectiva de gen.

Metoda „loverboy” este o tehnica de racolare a victimelor pusă în practică de traficant care, pretinzand ca este indragostit ademeneste victima si apoi o exploateaza sexual, fără semne aparente de constrangere, metoda aproape imposibil de dovedit in instantele de judecata. De ani de zile aceasta metoda a devenit principala tehnică de trafic intra-europeană, care este inca identificata cu dificultate.

In lumina celor prezentate de raportul mai sus mentionat, solicitam instituirea unui grup de lucru la nivel național si bilateral Romania-Italia dedicat acestei metode criminale, pentru a nu se irosi experiențele profesionale, pentru a corobora informatiile si expertiza acumulate, in acord cu colegii europeni, și pentru a pune la punct bunele practici solicitate de Europa inca de acum trei ani.

Datele raportului Save The Children – Italia citeaza un numar de 2.210 minori victime ale exploatarii sexuale individuati numai intr-o singura noapte in doar cinci regiuni italiene, dintre care 729 de nationalitate romana. Insa pe parcursul intregului an 2018 numai trei minori au fost considerati victime ale exploatarii sexuale. Solicităm prezentarea intervențiilor pentru celelalte 726 de cazuri, serviciile de protecție a minorilor si autoritatile care s-au activat si care au fost cazurile ramase fara rezolvare si de ce.

Facem aceasta solicitare avandu-se in vedere si datele prezentante de Politia Romana din care rezulta 410 minori in continuare disparuti numai in 2018. Intrucat unii dintre acestia pot fi sau deveni posibile victime ale traficului si in Italia, solicitam ca minorele cu cetatenie romana sa fie identificate si preluate de serviciile de protectie in mod sistematic si real, pentru a nu ramane doar ca numar in statistici.

Semnalam, de asemenea, date alarmante recente referitoare la minori sau neo-adulti italieni aflati in situatii materiale delicate si care au ajuns sa se prostitueze tot prin metoda loverboy.

Michelangela Barba

Presedinta Associazione Ebano

Silvia Dumitrache

Presedinta Asociatiei Femeilor Romance din Italia – ADRI

Scopul Asociatiei Ebano: sustinerea femeilor in risc de excludere si marginalizare sociala, victime ale violentei si traficului sexual.

Scopul ADRI: acordarea de sustinere si sprijin migrantilor intra-europeni care se confruntă cu situații de exploatare sexuală și de muncă, precum și copiii acestora.

Cele două asociații colaborează din 2016 în privinta combaterii exploatarii sexuale prin interventii menite sa contribuie la eliberarea persoanelor din traficul de persoane.

“Giornata internazionale contro tratta degli esseri umani”

In occasione della “Giornata internazionale contro tratta degli esseri umani” le associazioni Ebano e Adri sono a ribadire il loro impegno contro questo agghiacciante fenomeno.

Prendiamo atto che il rapporto “Piccoli Schiavi 2019” presentato da Save the Children finalmente cita in modo esplicito e maggiormente descrittivo il metodo del lover boy contro il quale ci battiamo da tempo, in ottemperanza a quanto disposto dal punto 61 della Risoluzione Europea del 12.05.16.

Il metodo del “lover boy” è il terribile inganno messo in atto dal trafficante, che finge una relazione d’amore con la vittima per attirarla in una spirale di assoggettamento tale da indurla alla prostituzione senza apparenti segni di costrizione, facendole perdere la percezione dello sfruttamento e della violenza subiti. Da anni è diventato la principale tecnica di traffico intraeuropeo ma ancora stenta ad essere riconosciuto.

Chiediamo, sulla scia di quanto affermato nel suddetto rapporto, che venga istituito un gruppo di lavoro a livello nazionale su questo metodo criminale, per non disperdere le esperienze professionali di ciascuno, per mettere in comune i nostri dati di osservazione dopo anni di lavoro mirato – di concerto con i colleghi europei- su questa tecnica e per addivenire alla messa appunto delle “buone prassi” prescritte dall’Europa già tre anni orsono.

Chiediamo inoltre, visto l’allarmante dato riportato di 2210 minori vittime di sfruttamento sessuale osservati in una sola notte in sole cinque regioni a fronte di esigui numeri di fuoriuscite, di conoscere dettagliatamente – pur nel rispetto della privacy – gli interventi attuati da operatori della rete antitratta, dei servizi minorili, alle Forze dell’ordine e dalle autorità consolari in ciascuna situazione e le dettagliate ragioni delle mancate fuoriuscite al di là delle macrocategorie indicate.

Osserviamo inoltre, come ultimo allarmante dato, che continuiamo a ricevere segnalazioni di minorenni o neo-maggiorenni italiane in situazioni di disagio indotte alla prostituzione sempre con il metodo del lover boy.

Ricordiamo infine le e i minori romeni scomparsi in patria – 410 denunce di scomparsa nel 2018 tuttora pendenti secondo i dati diffusi dalla Polizia Romena, Direcția pentru Investigații Criminale – probabili vittime di tratta. Forse sulle nostre strade. Forse tra i 2210 conteggiati.

Citeste si
Țara din care dispar copiii dispăruți @Libertatea 25.05. 2019

Italia. „Loverboy”, metoda de RACOLARE a minorilor. Aproape imposibil de dovedit în instanță @Stiri Diaspora 30.07.2019


RAPORT SUA: ROMÂNIA FACE PREA PUȚIN PENTRU COMBATEREA TRAFICULUI DE PERSOANE @Digifm 29.07.2019

România face prea puțin pentru combaterea traficului de persoane, susține un raport al Statelor Unite, publicat chiar luna aceasta. Asta, în condițiile în care țara noastră este o sursă principală de victime pentru rețelele de traficanți din Europa. Cauzele variază de la lipsa de expertiză, la lipsa de fonduri, scrie în documentul postat pe pagina Ambasadei SUA.

„Guvernul României nu îndeplineşte în totalitate standardele minime în vederea eliminării traficului de fiinţe umane” – așa începe raportul Statelor Unite cu privire la traficul de persoane de la noi din ţară. Datele se referă la anul trecut. Față de 2017, documentul scrie că instanţele au condamnat un număr semnificativ mai mic de traficanţi.

Funcţionarii publici şi ONG-urile au identificat 497 de victime în 2018, cel mai mic număr din ultimii peste 10 ani. Anul trecut, în România au fost condamnați 130 de traficanți, față de 222 în 2017.

73% dintre victime erau femei, dintre care 67% au fost traficate în scop de exploatare sexuală. Corupţia a continuat, în special în cazul funcţionarilor publici care exploatează minore aflate în centre de plasament, iar judecătorii nu au beneficiat de pregătire specializată pentru cazurile de trafic de persoane, scriu experții americani.

România rămâne o sursă principală pentru traficarea victimelor în scopul exploatării sexuale şi a exploatării prin muncă în Europa, se arată în același raport.


Citeste si
Data collection on trafficking in human beings in the EU

Prostituzione: la trappola del ‘Lover boy’ @Noi siamo futuro

Michelangela Barba, presidente Ebano: “Nel mirino anche ragazze italiane”. Nella giornata internazionale della ‘Tratta’, il punto sulla prostituzione delle giovanissime: nel nostro Paese si stima che circa 20mila siano minorenniDi Redazione -30 Luglio 2019

Michelangela Barba, presidente di ‘Ebano’

Si celebra oggi, 30 luglio, la ‘Giornata internazionale contro la tratta degli esseri umani’ e le Associazioni Ebano e Adri (Associazione Donne Romene in Italia) ribadiscono il loro impegno contro questo agghiacciante fenomeno che riguarda ragazze minorenni e neo maggiorenni.

Finalmente il rapporto ’Piccoli Schiavi 2019’, presentato da Save the Children – spiega Michelangela Barba, presidente di ‘Ebano’ – cita in modo esplicito e maggiormente approfondito, il metodo del ‘Lover boy’, contro il quale ci battiamo da tempo”.

Si sta parlando di prostituzione, molto spesso minorile, spessissimo legata a ragazze dell’Est Europa, che sfrutta un metodo di inganno subdolo e terribile, difficilmente riconoscibile come un vero e proprio atto criminale. E in Italia è un fenomeno in preoccupante crescita.

L’Associazione Papa Giovanni XXIII calcola che nel nostro Paese ci siano tra le 75mila e le 120mila prostitute, di cui il 55% di nazionalità romena ovvero un numero tra le 40mila e le 70mila donne. Di loro, la stessa Associazione stima sia minorenne circa il 37% (cioè tra le 14800 e le 25mila ragazze).

“Il metodo del ‘Lover boy’ – dice Michelangela Barba, un’esperienza lunghissima come volontaria in strada ed educatrice in carcere, prima ancora della nascita di ‘Ebano’ avvenuta nel 2012 – è il macchinoso inganno messo in atto dal trafficante, che finge una relazione d’amore con la vittima per attirarla in una spirale di assoggettamento tale, da indurla alla prostituzione senza apparenti segni di costrizione, facendole perdere la percezione dello sfruttamento e della violenza subiti. Da anni è diventata la principale tecnica di traffico intraeuropeo, ma ancora stenta a essere riconosciuta”.

Si tratta, insomma, di una rete di aguzzini che tramite ricatto affettivo, e una perfetta messa in scena, fanno credere alla vittima di doversi sacrificare per un progetto familiare inesistente, così da far uscire il compagno (che intanto ‘gestisce’ più prostitute) da una situazione di falso tracollo finanziario.

E’ cambiata la metodologia per portare le ragazze alla prostituzione: in questo modo non sono considerate dal nostro ordinamento come vittime di tratta perché apparentemente sembrano ‘libere’. Invece hanno subito una manipolazione fortissima. Questi criminali girano nelle campagne e negli orfanotrofi dell’Est e convincono le giovani più fragili a venire in Italia, con il sogno di poter costruire una famiglia felice. Giunti nel nostro Paese, per un certo periodo si occupano delle ragazze da ‘fidanzati’, facendo conoscere loro una vita più agiata, poi dicono di essere in difficoltà economica e le avviano alla prostituzione. E da qui parte il ricatto: le ragazze sono convinte di aver scelto e invece non hanno alcuna libertà. Anzi arrivano a subire delle vere e proprie torture e in questo modo cresce il grado di sottomissione. Le vittime da sole non hanno la forza di ribellarsi e, per il nostro ordinamento giuridico, scelgono la prostituzione ‘liberamente’.

Quella di ‘Ebano’ è un’esperienza unica in Italia. L’Associazione si occupa oggi di 14 ragazze, con due case di accoglienza a Milano e una a Potenza. E con Iana Matei, psicologa romena, fautrice di una rete di accoglienza, ‘Ebano’ ha messo a punto una metodologia di intervento.

Ma è una goccia nel mare, perché il fenomeno si allarga sempre più: il metodo del ‘Lover boy’ è talmente efficace che inizia a essere utilizzato anche per le ragazze italiane.

Continuiamo a ricevere segnalazioni di minorenni e neo-maggiorenni italiane in situazioni di disagio, indotte alla prostituzione con lo stesso sistema. La nostra è un’associazione di volontariato – prosegue Michelangela – e facciamo tutto quello che riusciamo per le giovani che intercettiamo o che si rivolgono a noi, ma non abbiamo fondi pubblici”.

Ma forse qualcosa si sta muovendo

“Il 3 luglio scorso, sono stata contattata, e poi ascoltata, dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato perché ha preso il via una ricognizione sul tema della prostituzione. E’ un buon segnale, spero porti presto a passi concreti”.      

Chiediamo, in questa giornata di sensibilizzazione, anche sulla scia di quanto affermato dal rapporto ‘Piccoli Schiavi 2019’ – aggiunge Silvia Dumitrache, presidente ‘Adri’ – che venga istituito un gruppo di lavoro a livello nazionale su questo metodo criminale, per non disperdere le esperienze professionali di ciascuno, per mettere in comune i nostri dati di osservazione, raccolti in anni di lavoro in concerto con i colleghi europei, e arrivare alla messa a punto delle ‘buone prassi’ prescritte dall’Europa già da tre anni”.  

Le due associazioni, ‘Ebano’ e ‘Adri’, collaborano dal 2016 nell’emersione delle situazioni di sfruttamento e nella gestione di percorsi di fuoriuscita.0

Un gând despre &8222;30 iulie – Ziua mondială împotriva traficului de persoane&8221;

Lasă un răspuns

Completează mai jos detaliile tale sau dă clic pe un icon pentru a te autentifica:

Logo WordPress.com

Comentezi folosind contul tău WordPress.com. Dezautentificare /  Schimbă )

Fotografie Google

Comentezi folosind contul tău Google. Dezautentificare /  Schimbă )

Poză Twitter

Comentezi folosind contul tău Twitter. Dezautentificare /  Schimbă )

Fotografie Facebook

Comentezi folosind contul tău Facebook. Dezautentificare /  Schimbă )

Conectare la %s